Grupo Balearia Presidencia Pagina IT

Adolfo Utor

Presidente di Baleària

Nato nel 1961 nella città marocchina di Al Hoceima, Adolfo Utor ha messo radici nella marinara Dénia, alle pendici dell'antico Montgó. Il maggiore di quattro fratelli, oggi presidente e azionista unico di Baleària, da studente si è dimostrato un giovane impegnato per la democrazia, la libertà e il progresso sociale, consapevole che il valore dell'individuo si moltiplica quando si esercita come cittadino.

Non è una panacea, ma ci sono innumerevoli studi che associano l'esperienza della natura a una maggiore felicità, a migliori capacità di gestione e, soprattutto, a una riduzione dell'angoscia mentale. "La scienza ha dimostrato che il contatto con la natura guarisce. E per coloro che stanno bene, migliora il loro benessere in modo significativo", sottolinea Carmen Velayos, docente di filosofia all'Università di Salamanca.

Questo è un sottotitolo

All'età di 23 anni entra a far parte dell'ex compagnia di navigazione Flebasa, una filiale di Isnasa, il predecessore dell'attuale Baleària. Ha fatto il bigliettaio, l'ormeggiatore, il responsabile della biglietteria, il venditore, il delegato amministrativo a Ibiza fino a diventare direttore generale dell'azienda nel 1990. Da questa posizione, ha promosso un processo di espansione con l'apertura di nuove rotte che hanno decuplicato il fatturato dell'azienda. Dopo che il fallimento di Isnasa ha trascinato Flebasa, l'esperienza accumulata e la capacità di leadership di Utor e il coinvolgimento di un gruppo di persone hanno dato vita a Baleària. È stata fondata il 20 giugno 1998 con 16 soci fondatori e 126 dipendenti. Fin dall'inizio, l'azienda si è impegnata a favore delle nuove tecnologie, del costante miglioramento della flotta e dell'apertura di nuove linee. Nel 2005 avviene la fusione per incorporazione con Umafisa, di proprietà della famiglia Matutes, di cui Utor rimane l'azionista di maggioranza fino alla fine del 2021, quando diventa l'unico azionista.

Baleària è oggi il gruppo marittimo leader in Spagna con quasi 25 anni di storia nel trasporto marittimo di passeggeri, veicoli e merci, con rotte che collegano quotidianamente la Penisola con le Isole Baleari, le Isole Canarie, Ceuta e Melilla. È anche l'unica compagnia di navigazione che collega le quattro isole dell'arcipelago delle Baleari. A livello internazionale, opera in Nord Africa (Marocco e Algeria), nel sud della Francia e collega gli Stati Uniti e le Bahamas.

La crescita dell'azienda si basa sulla consapevolezza di essere una compagnia di navigazione locale con una vocazione internazionale e sulla convinzione che l'azienda non sia un semplice attore economico. "Baleària è molto più di un conto economico. È un bene comune, un agente sociale che costruisce ponti tra i territori, facilita la circolazione delle persone e lo scambio di beni, cultura e conoscenza", afferma Adolfo Utor, convinto che le società prosperino se ci sono buone aziende. "Aziende con anima e corpo, cittadine e responsabili", dice di una Baleària che orienta il suo GPS sui valori dell'etica della responsabilità, dell'innovazione, della solvibilità e della sostenibilità.

La sua missione è stata quella di rinnovare ogni giorno l'impegno per lo sviluppo e il benessere dei cittadini dei territori in cui la compagnia di navigazione opera. Essere una buona azienda, la cui carta di navigazione è l'impegno per gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, l'impegno per una flotta eco-efficiente e la trasformazione digitale.. Una filosofia che Utor definisce "cuore verde e spirito intelligente".

Adolfo Utor è un leader nato e, come tale, sottolinea che non esiste leadership personale o aziendale senza un progetto o un team. Con l'energia e l'entusiasmo degli inizi, il presidente di Baleària sta lavorando per garantire che la compagnia di navigazione che gestisce continui a conquistare nuovi porti. Non è un caso che intitoli le sue navi a donne come Ipazia di Alessandria, Marie Curie o Eleanor Roosevelt, pioniere e attiviste per i diritti civili. Con questi importanti gesti Utor e Baleària esprimono il loro tributo e il loro impegno per la modernità, l'innovazione e l'eccellenza. È una dichiarazione di principi di Adolfo Utor, un uomo appassionato del mare, di Denia e di Balearia.

"Baleària è molto più di un conto economico. È un bene comune, un agente sociale che costruisce ponti tra i territori, facilita la circolazione delle persone e lo scambio di beni, cultura e conoscenza.

Questo è un piccolo sottotitolo evidenziato

At vero eos et accusamus et iusto odio dignissimos ducimus qui blanditiis praesentium voluptatum deleniti atque corrupti quos dolores et quas molestias excepturi sint occaecati cupiditate non provident, similique sunt in culpa qui officia deserunt mollitia animi, id est laborum et dolorum fuga.

Giorno 1

09:00h

Colazione a Santa Gertrudis. È il cuore dell'isola, uno dei borghi più pittoreschi e rinomato per la sua offerta gastronomica. Di sera, il centro pedonale è più che frequentato, ma è anche il luogo ideale per fare colazione lontano dalla frenesia del turismo. Due buone opzioni sono il classico Bar Costa, con i suoi panini con pomodoro e salumi, o il cosmopolita Musset Café, con un brunch vario che include opzioni vegane.

10:00h

Colazione a Santa Gertrudis. È il cuore dell'isola, uno dei borghi più pittoreschi e rinomato per la sua offerta gastronomica. Di sera, il centro pedonale è più che frequentato, ma è anche il luogo ideale per fare colazione lontano dalla frenesia del turismo. Due buone opzioni sono il classico Bar Costa, con i suoi panini con pomodoro e salumi, o il cosmopolita Musset Café, con un brunch vario che include opzioni vegane.

1: La ballata del boia (Luis García Berlanga, 1963)

Le Grotte del Drach e Palma in un capolavoro

Le immagini di Nino Manfredi, Pepe Isbert ed Emma Penella a Maiorca sono state immortalate in questo capolavoro del cinema spagnolo. Tutto lei. Dall'arrivo dei tre al porto di Palma, banda musicale compresa, al soggiorno nel quartiere di Can Bárbara, fino alla mitica scena in cui una guardia civile chiama Manfredi a partecipare al suo nuovo lavoro di boia nel bel mezzo dello spettacolo turistico delle Grotte del Drach. Per Berlanga era chiaro che il film avrebbe dovuto essere girato in gran parte sull'isola, e così l'ha resa un personaggio aggiuntivo in questo caustico ritratto del regime di Franco e della Spagna del boom turistico.

Profilo professionale

  • Presidente e azionista unico della società di navigazione Baleària.
  • Presidente del Consiglio Sociale dell'Università di Alicante.
  • Membro della Reale Accademia del Mare.
  • Membro del consiglio di amministrazione dell'Associazione imprenditoriale valenciana (AVE).
Scaricare profilo professionale